Recensioni

Samsung Galaxy Watch Active recensione: pensato per il fitness

Prezzo: 209,89 €
Da: 219,99 €

Il Samsung Galaxy Watch Active, basato su Tizen, come alternativa piu’ compatta ai soliti grandi e ingombranti smartwatch a cui siamo abituati, risulta essere una scelta vincente. Fornisce molte delle stesse funzionalità presenti sui dispositivi indossabili piu’ grandi e ne aggiunge anche alcune molto comode come il monitoraggio della pressione sanguigna. Il vero problema è che il monitoraggio dell’attività sportiva è molto lontano e ha un disperato bisogno di essere risintonizzato prima che questo smartwatch possa essere un valido competitor. Se stai cercando uno smartwatch completo dalle dimensioni compatte e che non sia troppo costoso il Galaxy Watch Active potrebbe fare al caso tuo. Anche la durata della batteria non risulta essere delle migliori. Impiega troppo tempo per ricaricarsi e non è sufficientemente duratura per tutti coloro che fanno un uso intenso del proprio smartwatch.

Una cosa è certa, Samsung produce alcuni dei migliori smartwatch attualmente in circolazione, ma la maggior parte tendono ad essere grandi e dallo stile aggressivo. Il Samsung Galaxy Watch Active risulta essere altrettanto ben equipaggiato come altri dispositivi Samsung, ma presenta un’estetica piu’ sobria e minimalista. Tra le altre cose si presenta ad un prezzo notevolmente inferiore. Il Galaxy Watch Active offre tutto ciò che si può ottenere dai piu’ comuni smartwatch ad un prezzo decisamente piu’ accessibile.

Ci sono però un paio di cose che bisogna considerare prima di procedere al suo acquisto come ad esempio il fatto che il monitoraggio delle attività fisiche sia di molto lontano dall’essere perfetto.

Le cose da sapere

Samsung Galaxy Watch Active recensione

Il Samsung Galaxy Watch Active non è il primo prodotto dell’azienda coreana nella categoria degli smartwatch dedicati al fitness. Infatti l’originale Gear Sport è arrivato sul mercato quasi un anno e mezzo fa.

Ad un prezzo che si aggira intorno ai 190 euro, il Galaxy Watch Active si posiziona accanto a diversi eccellenti fitness tracker. L’obiettivo di Samsung è chiaramente quello di catturare parte di quel mercato di riferimento con uno smartwatch dal prezzo competitivo in grado di offrire alcune funzionalità in piu’ di un normale fitness tracker. Si tratta inoltre di un’opzione dal prezzo competitivo per i normali acquirenti di smartwatch che non amano molto i soliti design ingombranti o hanno polsi piu’ sottili. Sfortunatamente per Samsung, se da un lato il suo smartwatch ha da offrire piu’ funzionalità di un normale fitness tracker, dall’altro non è in grado di tracciare piu’ precisamente le attività fisiche.

Design e display

Anche se le dimensioni da 40 mm del Galaxy Watch Active sono solo marginalmente piu’ piccole del 42 mm del Galaxy Watch, la differenza nell’ingombro è evidente. Oltra alla differenza di stile, il Watch Active è anche molto piu’ leggero con i suoi soli 25 grammi rispetto ai 49 grammi del Galaxy Watch piu’ piccolo. Per tutti coloro che sono soliti allenarsi con smartwatch dalle dimensioni normali, sanno che questo si traduce in un enorme comodità.

Nonostante le sue dimensioni ridotte, il Galaxy Watch Active è anche abbastanza robusto da sopravvivere ad uno stile di vita molto attivo. Il piccolo display circolare è infatti rivestito da uno strato di Gorilla Glass 3 (purtroppo non Corning DX+). E’ inoltre resistente all’acqua fino a 5 ATM e certificato conforme a MIL-STD-810G. L’ho utilizzato praticamente in ogni situazione ed è riuscito a resistere senza presentare il minimo graffio o segno di usura.

Lo schermo è davvero notevole: vibrante e nitido, due caratteristiche fondamentali su un display di queste dimensioni. La luminosità automatica risulta essere abbastanza reattiva all’aperto. Purtroppo però la luce intensa tende ad offuscare leggermente il display che risulta non semplicissimo da leggere a meno che non lo si porti all’altezza del viso.

Se provieni da un wearable con uno schermo piu’ grande, è indispensabile tenere a mente che il display da 1.1 pollici del Samsung Galaxy Watch Active potrebbe sembrare un pò scarno. Per fare un riferimento, lo schermo da 28 mm del Galaxy Watch Active ha un diametro di mezzo centimetro piu’ piccolo rispetto al Galaxy Watch piu’ grande e offre solamente il 72% dell’area di visualizzazione. La mancanza di una lunetta rotante qui si fa sentire perchè significa che bisogna scorrere e toccare gli elementi dell’interfaccia utente notevolmente piu’ piccoli rispetto al normale.

Sul Galaxy Watch Active è presente un microfono ma nessun altoparlante. Ciò significa che non si può rispondere o avviare chiamate e avrai bisogno di uno smartphone accoppiato per poter ascoltare il tuo interlocutore. Allo stesso modo, puoi attivare le query Bixby tramite lo smartwatch ma potrai ottenere solo risposte di testo su di esso.

Il cinturino dell’orologio in silicone con cui viene venduto il Samsung Galaxy Watch Active è perfettamente funzionante e si chiude con una tradizionale fibbia dell’orologio. Sono presenti inoltre tutta una serie di cinturini standard che puoi sostituire grazie alle dimensioni standard del cinturino da 20 mm. All’interno della confezione è presente anche un cinturino piu’ lungo per coloro che hanno i polsi piu’ grandi.

Funzionalità dello smartwatch

Samsung Galaxy Watch Active recensione

Il Samsung Galaxy Watch Active ha molto da offrire in termini di funzionalità e personalizzazione. E’ fornito di una discreta selezione di quadranti tra cui poter scegliere. Tutti i quadranti dell’orologio possono essere personalizzati a proprio piacimento, in modo da poter modificare i colori, gli sfondi e gli elementi dell’interfaccia utente in base ai propri gusti.

I due pulsanti presenti a lato del Galaxy Watch Active sono molto semplici. Quello in alto ti riporta indietro e quello in baso richiama il carosello dell’app. Per impostazione predefinita, una doppia pressione del pulsante in basso attiva Bixby, ma naturalmente è possibile personalizzarlo.

Scorrendo verso destra sull’interfaccia utente si accede alle notifiche, che possono essere espanse semplicemente toccandole. In questo modo è possibile rispondere utilizzando emoji, una piccola tastiera T-9, dettatura vocale o risposte brevi. Le notifiche del Watch Active sono super affidabili e tempestive.

Scorrendo verso sinistra si aprono delle schermate personalizzabili abbastanza standard tra cui una dashboard delle attività, app recenti, cardiofrequenzimetro, calendario, contatti e altro. Sono presenti anche moltissime schermate Samsung Health che possono essere aggiunte tra queste schermate.

Scorrendo verso il basso da un qualsiasi punto dell’interfaccia utente vengono invece visualizzate le classiche impostazioni rapide come l’attivazione del GPS e del Wi-Fi, l’always on display e molto altro.

Il Samsung Galaxy Watch Active presenta il modulo NFC in modo da poter utilizzare Samsung Pay sui nuovi terminali contactless. Samsung però ha rimosso il chip MST che tradotto significa che non potrai utilizzare il Galaxy Watch Active sui terminali a banda magnetica piu’ vecchi.

Tracciamento del fitness e della salute

L’unica area in cui il Galaxy Watch Active non ottiene il massimo del punteggio è, paradossalmente, il monitoraggio della salute e del fitness. L’implementazione del monitoraggio della pressione sanguigna in uno smartwatch pensato per tutti è sicuramente una grande notizia considerando che si tratta di una funzionalità presente solamente sull’Omron HeartGuide che costa circa 549 euro. E’ importante però notare che il dispositivo non mantiene del tutto la promessa, almeno per ora. Infatti non è nemmeno approvato dalla FDA come l’HeartGuide.

Il monitoraggio della pressione sanguigna sul Samsung Galaxy Watch Active funziona tramite un’app complementare che dovrai installare separatamente chiamata My BP Lab, sviluppata in collaborazione con l’Università della California.

L’app My BP Lab è per ora solamente in beta ed installabile solamente su alcuni dispositivi e in alcuni paesi tra cui non è presente l’Italia.

Spesso le misurazioni del conteggio dei passi e del monitoraggio della frequenza cardiaca, confrontate con altri dispositivi, risultavano sballate ben oltre un accettabile margine di errore. Il rilevamento automatico si attiva in maniera abbastanza affidabile quando si cammina o si corre. Il Watch Active può rilevare automaticamente sette esercizi con altri 39 che possono essere monitorati avviandoli manualmente.

Il monitoraggio del sonno risulta ugualmente problematico. Lo smartwatch non sembra sempre riconoscere la differenza tra rilassarsi sul divano e dormire davvero. Occasionalmente infatti si ottiene un monitoraggio del sonno che riporta due ore seguito da un paio d’ore di veglia e poi un sonno piu’ lungo, quando in realtà stavi solamente guardando un film prima di andare a letto.

Perfomance e durata della batteria

Samsung Galaxy Watch Active recensione

Il Samsung Galaxy Watch Active performa in maniera egregia e non ho riscontrato problemi di lag o arresti anomali. La batteria di questo smartwatch è sicuramente piccola ma è solamente leggermente piu’ piccola del Galaxy Watch. Samsung promette 45 ore di durata della batteria, il che è abbastanza fedele alla realtà se disattivi praticamente tutto. Se invece monitori regolarmente le attività sarai in grado di superare una giornata di autonomia. Se invece utilizzerai il GPS e trasmetterai musica in streaming l’autonomia scenderà a circa mezza giornata.

Durante il mio utilizzo ho scoperto che con un uso standard di notifiche, musica, monitoraggio delle attività l’autonomia è sempre stata di circa una giornata. Autonomia che si attesta nella media degli smartwatch anche se una durata prolungata sarebbe stata molto apprezzata per questo smartwatch pensato prevalentemente per uno stile di vita molto attivo.

Ciò che ho trovato molto migliorabile è la lentezza della ricarica. Invece di utilizzare i classici pin di ricarica, Samsung ha optato per una ricarica wireless. La batteria da 230 mAh impiega quasi due ore per caricarsi completamente. Può naturalmente essere ricaricato tramite la ricarica inversa degli smartphone ma ciò si traduce in tempi di ricarica ancora piu’ lunghi.

Prezzo e considerazioni finali.

A 190 euro, il Samsung Galaxy Watch Active si presenta in maniera molto competitiva. Per quanto riguarda le prestazioni dell’hardware, tolti i problemi di autonomia e di ricarica, si posiziona tra i migliori smartwatch attualmente disponibili. Come detto in precedenza, i grossi punti di debolezza risiedono prevalentemente nel campo della salute, dove lo smartwatch dovrebbe dare il massimo. Fortunatamente si tratta di un qualcosa che Samsung può benissimo risolvere tramite un aggiornamento software.

Se sei alla ricerca di un indossabile per notifiche, musica e un dispositivo che ti aiuti a tenerti in forma allora il Galaxy Watch Active può essere la scelta giusta per te. Se invece stai valutando il suo acquisto per il monitoraggio della pressione sanguigna, il monitoraggio del sonno, il conteggio dei passi o per il monitoraggio della frequenza cardiaca dovresti valutare soluzioni diverse.